Articoli con tag: paneveggio

C’È ARIA DI NOVITÀ AL PARCO DI PANEVEGGIO

Il giardino di Villa WelspergIl Parco Paneveggio – Pale di San Martino ha deciso recentemente di avviare un percorso che, nel mese di dicembre, lo condurrà alla certificazione con la Carta Europea per il Turismo Sostenibile. Vi starete chiedendo in cosa consiste questo progetto: la Carta rappresenta un importante riconoscimento per il Parco, perché parte “dal basso” e vuole coinvolgere numerosi soggetti nella salvaguardia del territorio.

Personalmente, ho un grande interesse in questo progetto, che sto seguendo in prima persona per la mia tesi di laurea. Lavorare sul campo e seguire questo percorso step-by-step rappresenta un’ottima opportunità per scoprire quali sono le logiche che portano ad avvertire la necessità di un cambiamento. Infatti, soprattutto nel caso delle aree protette, ma anche più in generale, il turismo può rappresentare una grande opportunità per un territorio, ma allo stesso tempo può condurre alla sua distruzione. È per questo motivo che è importante spostarsi verso forme di turismo sostenibile.

Cos’è il turismo sostenibile? Questa forma di turismo vuole riuscire a coniugare le esigenze del turista con quelle della popolazione residente, nel rispetto dell’ambiente e delle tradizioni del territorio. Lo scopo è quello di preservare l’ambiente naturale, e non solo, per le generazioni future.

Perché questo progetto è importante? Attraverso la Carta si vuole incentivare lo sviluppo e l’adozione di forme di turismo responsabile, che siano rispettose dell’ambiente e della popolazione locale. Per fare questo il Parco richiede la collaborazione di molti soggetti, in modo che la strategia di sviluppo sia condivisa e provenga dalla comunità locale.

Come puoi partecipare: il tuo contributo può essere molto importante per il Parco, che vuole coinvolgere sia i turisti, che i residenti e gli operatori.

  • Se vivi nel territorio del Parco puoi compilare il questionario rivolto ai residenti e/o operatori.
  • Se hai visitato il Parco puoi invece compilare il questionario per turisti.

Continuate a seguirmi e verrete aggiornati sugli sviluppi del progetto!

 

Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino

Annunci
Categorie: Parco Paneveggio Pale di San Martino | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

I Suoni delle Dolomiti: Baustelle a Villa Welsperg

ImmagineFra gli ultimi partecipanti della manifestazione I Suoni delle Dolomiti, domani si esibiranno i Baustelle!

Il concerto, assolutamente da non perdere, si terrà a Villa Welsperg, sede del Parco Paneveggio – Pale di San Martino, immersa nella splendida cornice del Primiero.

Raggiungere la località è semplice: infatti, il concerto è aperto a tutti, essendo raggiungibile anche in auto (fino ad esaurimento posti) o in bus navetta. Per chi avesse voglia di fare una passeggiata, è possibile lasciare l’auto a Tonadico e procedere lungo il sentiero Tonadico-Cimerlo per circa 1 ora e 20 minuti (dislivello 300m).

Il concerto è gratuito ed è stato anticipato alle ore 13.00, causa maltempo nel tardo pomeriggio.

Non perdetevi l’occasione di provare fantastiche emozioni!

21082013466

Categorie: Cosa fare | Tag: , , , | Lascia un commento

La Baita Segantini

La Baita Segantini (2180 metri) è diventata, grazie alla sua bellezza e alla storia che esprime, una delle tappe principali per chi si reca nella zona di Passo Rolle. Tutto questo deriva sicuramente dalla posizione strategica in cui si colloca, che la rende un crocevia fra più sentieri.

Raggiungere Baita Segantini è infatti molto semplice e, soprattutto, essa è accessibile a tutti:

  • attraversando la splendida Val Venegia: parcheggio a Pian dei Casoni (raggiungibile da Paneveggio o da Passo Rolle: passeggiata nel bosco di circa 15 minuti fino al secondo parcheggio) o direttamente a Malga Venegia (1773 metri); si prosegue fino a Malga Venegiota (1825 metri) e da lì si prende il sentiero  che vi condurrà alla Baita Segantini, passando per il Campigolo della Vezzana, dove potrete avvistare qualche marmotta (se sarete fortunati!): https://enjoytrentinoedintorni.wordpress.com/2013/07/25/passeggiando-sotto-le-pale-di-san-martino-alla-ricerca-di-marmotte/. Continuate la vostra camminata sotto le magnifiche Pale di San Martino e raggiungerete la Baita. Durata: 2/3 ore – Difficoltà: media – Lunghezza: 6,1 km – Dislivello: 485 metri.
  • da Passo Rolle: parcheggiate al Passo e seguite la strada sterrata o, in alternativa, i sentieri nei prati, che conducono alla Capanna Cervino; oltrepassatela e proseguite fino alla Baita Segantini. In estate è possibile prendere il bus navetta che parte dal Passo ogni 30 minuti (3€ a persona per la corsa singola) e che vi porta direttamente alla Baita. Durata: 40/50 minuti – Difficoltà: facile – Lunghezza: 3 km – Dislivello: 200 metri.

Sicuramente la seconda opzione è la più breve e la più semplice, ma se amate godervi il paesaggio vi consiglio la prima! Se vi sembra lunga fermatevi a Malga Venegiota per rinfrescarvi con un po’ d’acqua fresca e non dimenticate di fare una tappa al Campigolo della Vezzana.

Una volta giunti alla Baita Segantini gustatevi un ottimo pranzetto (vi conviene prenotare, poichè i tavoli sono pochi. Tel: 0439/68251) con vista sulle Pale o datevi al pranzo al sacco vicino al fresco laghetto. Consiglio l’immancabile piatto della Malga ed il tagliere di formaggi.

Se non siete ancora stanchi, una volta giunti in cima potete scegliere uno dei numerosi itinerari che si dipartono dalla Baita: il Trekking del Cristo Pensante, il Rifugio Mulaz e Punta Rolle.

Se siete indecisi sul percorso, è possibile anche salire da Passo Rolle e scendere lungo la Val Venegia, prendendo poi la navetta che da Malga Venegia vi ricondurrà al Passo, passando per Paneveggio (orari scaricabili sul sito del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino: http://www.parcopan.org/it/visita/proposte-per-vivere-il-parco/estate-2013/trasporto-pubblico-per-e-nel-parco-2013-p103.html).

Quest’escursione è quindi assolutamente consigliata, proprio per la sua accessibilità e la vista mozzafiato! Non perdetevi poi le tante varietà di fiori che colorano il paesaggio… 🙂

Passo Rolle

 

Categorie: Dove mangiare, Gironzolando in montagna, Parco Paneveggio Pale di San Martino | Tag: , , , , | Lascia un commento

Gustare i prodotti tipici trentini a Malga Venegia

Malga VenegiaSe siete in cerca di un bel posto in cui mangiare, assaporando i prodotti tipici della tradizione trentina in un ambiente accogliente, Malga Venegia fa al caso vostro!

Immersa nella splendida cornice dell’omonima valle (Val Venegia), all’interno del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, troverete una calda accoglienza ai piedi delle Pale di San Martino.

La cucina è ottima e offre un’ampia scelta di prodotti tipici, che spazia da antipasti (da provare la carne fumada), ai primi piatti e agli immancabili piatti unici! 

Assolutamente da assaggiare è il piatto della malga che comprende polenta, tosella (tipica della zona di Primiero), funghi e salsiccia. 

Carne fumada (Malga Venegia)

E se dopo l’abbuffata avrete ancora fame, o avrete voglia di una gustosa merenda, provate una delle tante torte casalinghe che la malga offre, consiglio anche lo yogurt con le castagne al miele: da leccarsi i baffi!

Rimarrete piacevolmente sorpresi dal rapporto qualità-prezzo e dalla bontà del cibo 🙂

Malga Venegia è in assoluto la mia malga preferita!

Raggiungerla è semplice: fra Paneveggio ed il Passo Rolle troverete le indicazioni per la Val Venegia, potete fermarvi al primo parcheggio e fare una passeggiata di circa 15 minuti in un fresco bosco, oppure, se non vedete l’ora di mangiare, potete raggiungere direttamente il secondo parcheggio che vi porterà direttamente alla malga!

Da non dimenticare poi le numerose escursioni che la Val Venegia offre e di cui vi parlerò nei prossimi giorni…

Buon weekend a tutti! 🙂Piatto della malga (Malga Venegia)

Categorie: Dove mangiare | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Alla scoperta della foresta dei violini

ImmagineOgni mercoledì il Parco di Paneveggio propone una gita di metà giornata (dalle 9.30 alle 12.00 ca.) alla scoperta della sua fantastica foresta demaniale. L’escursione è denominata “Quando la Foresta diventa musica” ed è consigliata non solo a famiglie, ma anche ad appassionati di musica e strumenti musicali. Una gentile guardia forestale, vi accompagnerà infatti nella Foresta di Paneveggio e vi illustrerà le sue caratteristiche, soffermandosi sui suoi famosi abeti rossi, e quindi sul legno di risonanza.

Dopo una passeggiata, vi condurrà al locale di stagionatura del legname, dove ogni anno dai 40 ai 60 liutai, provenienti da tutto il mondo, vengono a toccar con mano e a scegliere il pregiato legno per creare i loro violini. Durante il mese di agosto, sarà inoltre possibile osservare la bottega di un liutaio all’opera.

Usciti dal bosco, la mattinata volgerà al termine presso la sede della Guardia Forestale, in cui potrete ammirare la mostra sui violini, dove la musica vi condurrà in un mondo fatto di legno e suoni armonici.

Maggiori informazioni sul sito del Parco: www.parcopan.org

017

Categorie: Parco Paneveggio Pale di San Martino | Tag: , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: